Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie, anche di terze parti. Continuando a navigare sul sito si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni

Benvenuto/a nel sito ufficiale di Brindisi Bene Comune!

Condividi

BRINDISI BENE COMUNE
 
Nel 2011 abbiamo accettato la sfida del Sindaco di allora, che alle nostre richieste di fare qualcosa per la grave situazione ambientale della città, rispose “candidatevi voi”. Abbiamo riflettuto e capito che un movimento di cittadini e cittadine fosse la risposta giusta per prendere in mano il destino della nostra città.
Così è nata la rivoluzione delle formiche, un processo democratico dal basso avviato da diverse realtà e coscienze. In quel momento molti di noi erano attivi nel movimento No al carbone, nel movimento delle donne Se non ora quando, nel Circolo Daniele Valletta, in rinascita civica in cui confluivano tante anime della sinistra. Abbiamo organizzato e preso parte al movimento referendario per l'acqua pubblica e contro le centrali nucleari arrivando alla grande vittoria del 12 giugno del 2011.
Insieme abbiamo dato vita ad un nuovo soggetto politico che ci rappresentasse tutti e tutte, il cui nome incarnasse il nostro pensiero, così è nata Brindisi Bene Comune. Man mano il gruppo è cresciuto grazie alla risposta positiva di singoli cittadini e singole cittadine e dal 2011 non ci siamo mai fermati.
Nel 2012 abbiamo partecipato alle elezioni amministrative, da soli, con un’unica lista civica, Riccardo Rossi è diventato consigliere comunale di opposizione. Da quel momento è iniziata la nostra esperienza politica all’interno del Consiglio Comunale.
Abbiamo acquisito competenze, fatto sentire la nostra voce, vigilato e portato proposte. Abbiamo ottenuto dei Consigli Comunali monotematici su energia e carbone, abbiamo avviato la richiesta di un’indagine epidemiologica per la città che ha dato i suoi frutti con la pubblicazione nel 2017 di un importante rapporto scientifico, sugli effetti delle esposizioni ambientali sulla morbosità e mortalità della popolazione residente a Brindisi e comuni limitrofi. Quella consiliatura si è chiusa con l’arresto del Sindaco, per le cui dimissioni avevamo avviato una raccolta firme, non condividevamo le scelte personalistiche e il balletto delle poltrone, ci avevamo visto bene.
In tutto questo tempo e negli anni del commissariamento il nostro movimento ha continuato a riunirsi settimanalmente, per ragionare sulle emergenze della città ma anche sul suo futuro. Elaborando critiche, proposte e azioni che sono diventate di dominio pubblico attraverso comunicati stampa, campagne social, raccolta firme ed eventi nelle piazze della città. Generando spirito critico e assunzione di responsabilità in chi governa e negli stessi cittadini e cittadine.
Nel 2016 ci siamo ricandidati alle elezioni amministrative, in coalizione con Sinistra per Brindisi, la nostra lista è stata la terza più votata dalla città, dopo un partito e un movimento nazionali. Il risultato rispetto al 2012 si è triplicato, una conferma positiva della nostra crescita. Tutto quello che abbiamo raggiunto è stato ottenuto con l’impegno diretto sul territorio perché siamo un movimento locale e non abbiamo un corrispondente nazionale.
Nelle elezioni amministrative del 2016 sono stati eletti due nostri consiglieri, Riccardo Rossi e Giuseppe Cellie. Ancora una volta abbiamo potuto assistere ad un’amministrazione che non opera per il bene comune, abbiamo fatto opposizione, abbiamo sollevato le questioni in Consiglio e nelle Commissioni Consiliari. In parallelo abbiamo avviato in città una serie di incontri nelle piazze stimolando la nascita dei Comitati di quartiere affinché i cittadini portassero le loro istanze e si rimpossessassero degli strumenti della democrazia partecipativa. Sotto questa spinta sono nati dei comitati in diversi quartieri e di questo ne siamo fieri. L’esperienza in Consiglio si è conclusa con la sfiducia nei confronti dell’amministrazione comunale che abbiamo firmato anche noi.
In parallelo e a seguire, il nostro gruppo spontaneo di attivisti e attiviste non ha mai smesso di operare per il bene comune. Informando e stimolando il ruolo centrale del cittadino all’interno di ogni processo politico, avviando percorsi virtuosi, partendo sempre dall’assunto che ogni agire politico sano non può prescindere da comunità attive e competenti.
Siamo nel 2018 e concorriamo alle elezioni amministrative, questa volta in una coalizione più ampia, insieme al PD, a Liberi e Uguali e ai giovani di Ora tocca a noi. Il candidato sindaco è la nostra formica Riccardo Rossi. Crediamo che per governare bisogna crescere e dialogare con altre forze politiche che si riconoscano negli stessi principi della Costituzione, siamo laici, democratici, ecologisti, antifascisti, antirazzisti, antisessisti.
Noi non ci fermiamo, campagna elettorale o no, siamo presenti e attivi per il bene comune della nostra città e il nostro spazio è aperto alle buone pratiche di partecipazione.
Vi aspettiamo!